Adriana Gualmini, Susano
Adriana Gualmini, Susano

“Davanti alla casa c’è mia zia che stava per partorire, era all’ottavo mese. Ha la pancia squarciata da una raffica di mitra. I suoi tre figli, di quattro, cinque e sette anni, sono vicini a lei, con la testa quasi tagliata in due, forse dalla stessa raffica che ha ucciso lei”.

press to zoom
Marina Venturelli, Monchio
Marina Venturelli, Monchio

“‘Hanno ucciso papà, hanno ucciso papà’. L’urlo della mamma, la sua corsa veloce e inutile, il tedesco che le punta il mitra per farla andare via. Anche io giro l’angolo, papà è a terra, c’è solo lui a terra. Altri uomini sono in piedi, davanti ai fucili. Scappo”

press to zoom
Armando Tincani, Monchio
Armando Tincani, Monchio

“Quando cade gli vado vicino. La testa è nel sangue, in una pozza che si allarga… Papà guarda il cielo. Gli tocco le mani, sfioro il viso. Non si muove… Il foro è lì, grande, in mezzo alla fronte”

press to zoom
Adriana Gualmini, Susano
Adriana Gualmini, Susano

“Davanti alla casa c’è mia zia che stava per partorire, era all’ottavo mese. Ha la pancia squarciata da una raffica di mitra. I suoi tre figli, di quattro, cinque e sette anni, sono vicini a lei, con la testa quasi tagliata in due, forse dalla stessa raffica che ha ucciso lei”.

press to zoom
1/3

I volti della memoria