Armando Tincani, Monchio

“Quando cade gli vado vicino. La testa è nel sangue, in una pozza che si allarga… Papà guarda il cielo. Gli tocco le mani, sfioro il viso. Non si muove… Il foro è lì, grande, in mezzo alla fronte”